+39 015 0991174 | info@ilfilodatessere.com

News

[Fonte: Vita.it - di Daniele Biella]

Seconda missione ufficiale, la prima in Africa dopo quella in Siria, per il neoeletto presidente della Federazione internazionale di Croce rossa e Mezzaluna rossa: "i migranti di passaggio sono fermi nella città di Agadez per i maggiori controlli nel deserto, ma non rinunceranno a partire"; spiega dopo avere incontrato molti di loro. "Solo un investimento sulle comunità locali potrà porre rimedio alla povertà endemica di queste zone, lo si faccia presto per evitare che il Niger, oggi ospitale nonostante tutto, diventi instabile come la Libia"

“Europa o niente. Dio è là”. “Meglio morire in mare che davanti a mia madre”. Agadez, Niger, febbraio 2018. Due scritte sui muri, una in francese, l’altra in arabo, che nessuno può evitare di leggere e che riassumo tutto: la migrazione di persone dall’Africa Subsahariana verso Nord - leggasi “lasciateci migrare, costi quel che costi” – non si fermerà. “Ci siamo trovati davanti a persone che volevano raccontarci la propria storia, e che ora sono ferme qui alle porte del deserto del Sahara ma appena riescono a trovare il trafficante giusto partiranno per la Libia e poi l’Europa, nonostante tutto”, spiega a Vita.it direttamente dai 39 gradi di Agadez Francesco Rocca, presidente di Croce rossa italiana ma anche, recente nomina, a capo della Federazione internazionale di Mezzaluna rossa e Croce rossa. “'Nonostante tutto' significa questo: hanno presente le torture che potrebbero subire in Libia, ma sono disposti a passarci in mezzo pur di arrivare in quella parte di mondo in cui sanno di potere stare meglio: ‘quello che per voi è crisi economica e rischio di povertà per noi è comunque ricchezza rispetto al luogo da cui siamo partiti’, dicono”. Rocca ha passato molto tempo del suo viaggio (torna oggi sabato 24 febbraio in Italia) a incontrare operatori umanitari, migranti e autorità, e venerdì mattina ha visitato una scuola supportata dalla Croce rossa italiana che è stata intitolata a suo nome.

Qual è l’aspetto che più la colpisce della situazione del Niger?
Siamo nell’epicentro delle sfide umanitarie del mondo, tra povertà endemica - il Niger è uno dei Paesi più poveri del mondo – e flussi migratori, con centinaia di migliaia di persone venute da Stati del continente, soprattutto Mali e Nigeria, confinanti entrambi a sud e pervasi da anni dal terrorismo che provoca fughe di massa. Mi fa impressione tutto questo flusso sia accettato dai nigerini con un’apertura allo straniero che non contiene traccia di xenofobia o intolleranze: di certo essendo un Paese povero c’è un’economia illegale che nasce con questi traffici e va stroncata e riconvertita, ma è davvero importante sottolineare come ci sia il totale rispetto delle persone che arrivano, che infatti ho incontrato nei centri medici dove è presente Croce e Mezzaluna rossa nigerina ma anche in strada.

Nel deserto poco più a nord di Agadez, ovvero prima del confine libico, da almeno 18 mesi i militari nigerini pattugliano la zona e si è notata una drastica riduzione dei passaggi da quella zona. Dove vano le persone?

Molti sono fermi da mesi ad Agadez ma questa sosta forzata rende solo più ansiosa la loro volontà di ripartire. Una ripartenza che diventa ancora più pericolosa: i trafficanti stanno attivano nuove strade per farli viaggiare, magari in piste minori del deserto, e questo aumenta notevolmente il rischio di non farcela: …

Per saperne di più clicca sul link sopra, oppure qui: http://www.vita.it/it/article/2018/02/24/in-niger-con-rocca-cri-qui-serve-molto-piu-sviluppo-che-sicurezza/146051/

cooperjob logologo cgm logo confcooperative logo caritas neg logo rina neg

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.